La Protezione Civile a supporto della popolazione di Rassina per le operazioni di disinnesco e il brillamento di una bomba

14 giugno 2020

La Protezione Civile è intervenuta a supporto della popolazione di Rassina per le operazioni di  disinnesco e il brillamento di un ordigno bellico rinvenuto nei pressi della stazione. Il volontariato di Protezione Civile e quello sanitario, coordinato dal Comune di Castel Focognano e dall'Unione di Comuni del Casentino, ha provveduto al trasferimento delle  persone non autosufficienti e all'assistenza dei cittadini presso le tre aree di attesa della popolazione allestite al di fuori della zona rossa. La Protezione Civile della Provincia di Arezzo era presente presso l'Unità di Crisi in Prefettura e nel Posto di Comando avanzato sul posto. Alle attività hanno partecipato anche i colleghi della Viabilità e della Polizia Provinciale a supporto del complesso sistema coordinato dalla Prefettura di Arezzo.

Di seguito il comunicato stampa della Prefettura: Concluse le operazioni di disinnesco della bomba d'aereo risalente alla Seconda Guerra Mondiale, rinvenuta in loc. Rassina nel Comune di Castel Focognano

            Intorno alle ore 13.30, con il brillamento dell'ordigno presso la cava di Begliano, sono terminate le operazioni di bonifica della bomba di aereo, risalente all'ultimo conflitto mondiale, condotte da un reparto di specialisti artificieri del 2° Reggimento Genio Pontieri di Piacenza, comandati dal Maggiore Pace. L'attività di bonifica è iniziata alle ore 9.45 dopo che dall'Unità di Crisi, presieduta dal Prefetto Anna Palombi, in stretto contatto con il Posto di Comando Avanzato, è stata diramata la comunicazione dell'avvenuto completamento dell'evacuazione dell'area del raggio di 1.850 metri dal luogo in cui l'ordigno è stato rinvenuto.  Le operazioni, che erano iniziate all'alba con lo sgombero dalla zona di oltre 2.000 persone, sono terminate alle ore 10.30 con il despolettamento dell'ordigno, senza difficoltà e nei tempi previsti, nonostante il forte maltempo che ha imperversato per l'intera mattinata, a testimonianza della proficua sinergia messa in campo tra tutte le componenti statali e locali del Sistema di protezione civile.  Alle ore 12.00 sono stati ripristinati i servizi e la circolazione stradale. Il Prefetto ha ringraziato il 2° Genio Pontieri di Piacenza per la professionalità che da sempre contraddistingue tale reparto e rivolto un sentito apprezzamento a tutte le Forze di Polizia dello Stato e degli Enti locali, ai Vigili del Fuoco, ai Sindaci dei Comuni coinvolti ed a tutti gli operatori degli enti, aziende ed amministrazioni che si sono prodigati per consentire agli artificieri di condurre le operazioni in totale sicurezza e per ridurre quanto più possibile i disagi per la popolazione, che ha accettato di buon grado le prescrizioni impartite dalle autorità.

https://www.lanazione.it/arezzo/cronaca/disinnesco-di-una-bomba-a-rassina-maxi-operazione-di-evacuazione-1.5220127

http://casentino.arezzonotizie.it/disinnesco-esplosione-bomba-rassina.html

Provincia di Arezzo - Servizio Protezione Civile Piazza della Libertà, 3 - Arezzo 52100 (AR)
Tel.: 0575/3354260 - Fax: 0575/3354261
E-mail: protezionecivile@provincia.arezzo.it
PEC: protocollo.provar@postacert.toscana.it

Valid XHTML 1.0 Transitional    CSS Valido!